MONTAGNA SENZA CONFINI
Home - Carnia - Ravascletto
 

Ricerca Avanzata PDI

Vai
 

Con Montagna Senza Confini costruisci la Tua Vacanza

 
 

Ravascletto

Benvenuti a RavasclettoIl territorio del Comune di Ravascletto (http://www.comune.ravascletto.ud.it) comprende il tratto centrale del solco, conosciuto con il nome di Valcalda, che si estende trasversalmente tra la valle del torrente Bût o canale di San Pietro e la valle del torrente Degano o canale di Gorto. Il confine settentrionale del comune scende per un tratto oltre la cresta del monte Cròstis, estendendosi al di fuori del bacino della Valcalda. Il comune comprende le frazioni di Zovello e Salàrs. Oltre a queste vi sono le borgate di Fratta, Piè del Pecol, Prepaulin, Ciampei, Chiavar, Stalis, Palù, Alnetto, Campivolo, Som Salàrs.

A Ravascletto arrivano quattro strade principali. Quella che giunge da Cercivento fu costruita nel 1890, mentre la rotabile che sale da Comegliàns fu costruita durante la Prima Guerra Mondiale. Assieme costituiscono ora la Strada Statale 465 della Forcella Laverdet e di Valle San Canciano. Tra le due guerre venne realizzata la Panoramica delle Vette, che dalla sella Valcalda sale sino sotto le pendici sommitali del monte Crostis, a 1980 m, per poi scendere ripidamente sino all’abitato di Tualis, collegato a Ravascletto da una strada terminata negli anni cinquanta, completando in questo modo uno dei più bei percorsi di alta quota delle Alpi.

Il versante verso il monte Zoncolàn, per la sua esposizione a nord che favorisce un ottimo innevamento, è da lungo tempo utilizzato per la pratica degli sport invernali: nel 1948 fu costruita la seggiovia Ravascletto-Cuel Piciul, prima seggiovia della regione, che permise di percorrere con gli sci lo splendido pendio della Val di Pertie. Accanto a questa venne realizzato un trampolino per il salto con gli sci e alcuni skilift che diedero al paese una spinta verso il turismo concretizzata pienamente con la costruzione della funivia e successivo sviluppo del comprensorio sciistico dello Zoncolàn. Ora lo Zoncolàn è famoso per le tappe del Giro d'Italia che ne hanno raggiunto la sommità sia salendo dal versante di Sutrio che da quello, considerato la salita più dura delle Alpi, di Ovaro.

La Valcalda offre innumerevoli possibilità al turista e al visitatore che voglia passare un periodo di vacanza in tranquillità e a contatto con un ambiente ancora intatto e poco modificato da strutture di accoglienza di massa. Alberghi, pensioni, bed & breakfast, appartamenti in strutture private sono in grado di rispondere alle esigenze di qualsiasi tipologia di turista. Per chi preferisse il campeggio potrà sistemarsi nella struttura ai piedi del monte Zoncolàn, tra ombrosi abeti e con tutti i servizi necessari, in prossimità  della partenza degli impianti.

Bar, ristoranti, pizzerie e trattorie attendono l’escursionista o lo sciatore al termine delle “fatiche” della giornata.

 

Gallerie Fotografiche

Il Paese
Inverno
Scorci
Sport
 
Carnia Welcome