MONTAGNA SENZA CONFINI
Home - Punti d'Interesse - Chiesa di Sant'Agnese
 
 
 

Ricerca Avanzata PDI

Vai
 
 
 

Chiesa di Sant'Agnese

Tematica: Arte e Cultura - Categoria: Chiese, Pievi e Santuari - Luogo: Treppo Carnico Torna alla Mappa
Aggiungi Pdi al Piano di Viaggio
Visualizza scheda in PDF
La chiesa di Treppo Carnico, dedicata a Sant'Agnese è stata costruita nel 1809-1816 su progetto di Angelo Schiavi il cui padre Francesco trent'anni prima fu l'autore dell'elegante campanile in stile carinziano la cui snella struttura di 42 m di altezza termina con una cupola a "cipolla" in rame risalente al 1801, opera di una ditta austriaca di Hermagor. La chiesa fu costruita incorporando la cappella precedente edificata presumibilmente attorno al 1700, della quale sono riscontrabili le fondamenta rimaste ancora sotto la pavimentazione attuale.
Nella chiesa in stile romanico e settecentesco troviamo cinque altari, nicchie, navate e vari affreschi alcuni dei quali eseguiti dal pittore Giovanni Moro nativo del vicino paese di Ligosullo; la volta dell'abside interamente affrescata rappresenta la Beatitudine di Dio, opera del pittore gemonese Fantoni. Nella lunetta sopra l'altare maggiore è raffigurato un dipinto di Gesù nell'Orto degli Ulivi, opera del pittore Basilio Lazzara di Treppo. Altra pregevole opera è la pala dell'altare maggiore raffigurante Sant'Agnese, San Giorgio, Santi Ermacora e Fortunato, datata 1670, mentre va ricordata pure la Pala dell'altare di Sant'Antonio opera del pittore udinese Filippo Giuseppini. Sopra l'ingresso principale, di notevole pregio un'antica pala della Madonna del Rosario con Bambino dipinta su tela da Silvestro Noselli di Raveo nel 1723. Nei rimanenti altari sono collocate le statue rappresentanti la copia della Pietà scolpita in cartone romano a Roma nel 1907 e benedetta in S. Pietro da Papa Pio X, la Madonna del Rosario, e nella nicchia tra i due altari la Madonna di Lourdes; il battistero in struttura marmorea ottenuto nel 1764 e lungo le pareti sono disposti i 14 pannelli lignei raffiguranti la Via Crucis, opera recente di artigiani ed artisti di Ortisei. Da ammirare lo splendido paliotto in legno dell'altare raffigurante Gesù a Emmaus e lo scintillante e magnifico lampadario che scende dal soffitto della navata centrale, opera dei vetrai di Burano. Nella sacrestia si trovano conservati un pregevole armadio capolavoro d'intarsio, datato presumibilmente tra il 1700 e il 1800 ed inoltre una pala su tela di S. Antonio del 1728.
Orari di apertura:
S.Messa festiva: ore 9.45
Messa feriale (Giovedì): ore 19.3O
Maggio e Ottobre: S. Rosario tutti i giorni - ore 19.30
 

Feedback

Il punto non ha recensioni
 
Carnia Welcome