MONTAGNA SENZA CONFINI
Home - Punti d'Interesse - Chiesa di Sant'Osvaldo Re a Cleulis
 
 
 

Ricerca Avanzata PDI

Vai
 
 
 

Chiesa di Sant'Osvaldo Re a Cleulis

Tematica: Arte e Cultura - Categoria: Chiese, Pievi e Santuari - Luogo: Paluzza Torna alla Mappa
Aggiungi Pdi al Piano di Viaggio
Visualizza scheda in PDF
Il primo documento che attesta la presenza di una piccola chiesetta a Cleulis risale al 13 settembre 1601. L'edificio sacro, dedicato a Sant'Osvaldo Re, fu in seguito ampliato e rimaneggiato in altre due occasioni, nel 1735 e nel 1887. Quest'ultimo rimaneggiamento costò un immenso sforzo da parte della popolazione già duramente provata dall'incendio che, nel 1874, aveva distrutto gran parte del paese, lasciando ben 400 persone senza tetto.
Il primo campanile fu costruito nel 1846, successivamente fu demolito e ricostruito nel 1892. Altri sacrifici si sobbarcarono poi i Cleuliani, decidendo di auto-tassarsi per comperare le nuove campane, sostituendo le due campanelle acquistate in Baviera nel 1805. Esse furono inaugurate nel novembre del 1911, per essere, appena sette anni dopo, requisite dai Tedeschi e sostituite dalla popolazione con due bossoli di granata fino al 1922.
Negli anni la chiesa fu arricchita e rimessa a nuovo, grazie anche alla lungimirante "politica" di don Celso Morassi che provvide a fornirla di organo, Via Crucis, dell'orologio e di statue e arredi vari.
Oggi in essa si possono ammirare la pregevole pala d'altare, della metà del secolo XVIII, con l'immagine della Madonna tra i Santi Osvaldo, Emidio e Simone, mentre sulle pareti laterali dell'abside sono state collocate nel 1985 due grandi tele dipinte da Domenico Straulino di Sutrio, rappresentanti due temi di ampia rilevanza sociale: la partenza degli emigranti e le portatrici carniche.
Sul sagrato, il monumento ai Caduti.
Particolarmente sentite e suggestive, per il gran concorso di popolo che ancora le caratterizza, sono la festa del Patrono Sant'Osvaldo (5 agosto) con la processione per le vie del paese e i vesperi solenni in latino, e la Messa di Natale con i canti della tradizione cleuliana (su tutti: Biela not e Lusive la lune).

Orari di apertura:
Celebrazione messe:
domenicale - ore 9.30
infrasettimanale - lunedì e mercoledì: ore 7.30
 

Feedback

Il punto non ha recensioni
 
Carnia Welcome